domenica 29 luglio 2012

Alle origini dell'hotel standard: l'hotel grattacielo



La storia del turismo è anche la storia dell’hotel.
La prima guerra mondiale svuotò i Grand-hotel, e anche in America l'industria alberghiera languì per via del proibizionismo. Dalle ceneri della vecchia industria alberghiera sorse il moderno tipo d'hotel. Nel 1929 cominciò la ricostruzione del Waldorf Astoria di New York: demolito il vecchio albergo sulla Quinta Strada, per il nuovo non furono presi a modello i vecchi e impolverati edifici del passato ma i grattacieli commerciali. Quanto era più alta la torre dell'ufficio tanto più potente era l'impresa.
Assai più di quanto accadeva nel Grand-hotel, nell'hotel grattacielo sorge un mondo a sé. Non dover lasciare più l'hotel è anche l'ideale dell'ospite dell'albergo-grattacielo.
Scrivono più o meno così Helmut M. Bien, Ulrich Giersch (“Le etichette sulle valigie”, Edi Cart 1991)

Se vi interessa la storia del turismo, nella prima puntata, riprendendo Hans Magnus Enzensberger avevo scritto che “Il primo hotel moderno fu il Badischer Hof costruito a Baden-Baden nei primi anni del XIX secolo.
Per la prima volta una complicata gerarchia di segretari, portieri, maitres, camerieri, valletti, serve, fattorini serviva l’enorme complesso delle hall, delle sale ricevimento, da pranzo, di lettura, delle camere da letto, delle piscine, delle scuderie, delle terrazze, dei giardini invernali.
Il modello del Badischer Hof è rimasto esemplare dal 1805 ai nostri giorni.
(…) L’hotel è il castello della grande borghesia - scrive Enzensberger - Qui in un ambiente di lusso sfrenato, la nuova classe usurpa dimostrativamente le forme di vita della aristocrazia.”

La foto del caffè Florian è di Maria Rosaria Sannino (@mrsannino)

Nessun commento:

Posta un commento